• SALSA PORTORICANA

    DANZA

    La salsa portoricana è uno stile molto elegante,
    ricco di passitos e di giri.

SALSA PORTORICANA

Vai alla pagina DANZA

La salsa portoricana è uno stile molto elegante, ricco di passitos e di giri. Questo genere viene ballato in linea, a differenza della salsa cubana dove si danza in senso circolare.

Questo ballo è accompagnato da una musica sia allegra e caliente, ma anche romantica, la quale è un contributo importante nel mondo della musica latina.

UN PO’ DI STORIA
Per conoscere a fondo la salsa portoricana è necessario ripercorrere la storia e la cultura dell’isola di Portorico e di tutti i fattori che hanno contribuito al suo sviluppo poiché nasce dall’incontro armonico di diverse tradizioni culturali.

I primi abitanti dell’isola, infatti, furono gli indiani Taino per i quali la musica e la danza costituivano la parte centrale delle loro cerimonie religiose e delle loro feste. Successivamente ad invadere l’isola furono gli Spagnoli i quali uccisero molti nativi e impegnarono gli schiavi africani come forza lavoro. Di conseguenza, diedero vita a villaggi e città dove la cultura e la musica locale si intrecciò inevitabilmente con le tradizioni africane ed europee.

Inoltre, fin dai primi anni del 1800 gli abitanti del luogo fecero propri stili musicali tipicamente cubani.

NUYORICAN
Per ben quattro secoli l’isola rimase sottoposta al controllo spagnolo fino a quando non si legò agli Stati Uniti.

Ciò comportò a partire dal 1915 consistenti migrazioni di Portoricani verso il Nuovo Continente, e precisamente verso New York, i quali portarono con sé la loro musica e la loro cultura.

Questi formarono una comunità chiamata Nuyorican ( fusione dei nomi “ newyorkesi e portoricani “ ), per altro in un periodo in cui il Mambo, Cha Cha, Rock’n’Roll dominavano le piste da ballo.

Diverse comunità portoricane si stabilirono, invece, nel South Bronx. Qui si trovarono ad affrontare una vita di ghetto molto dura, dalla quale l’unica via di fuga sembrava essere la loro musica tramite la quale raccontavano la loro condizione.

LA NASCITA DELLA SALSA
Da non trascurare poi come nel corso degli anni ’30 la musica cubana (in particolare la Rumba) guadagnò molta popolarità in America e in Europa. Tuttavia, questo era niente in confronto alla fama guadagnata dal jazz afro-americano nel 1940, nato dalla fusione tra gli stili latini e il jazz.

Tutte queste forme musicali negli anni ’50 hanno cominciato a modernizzarsi, fino a creare lo stile chiamato Salsa, termine inventato alla fine del 1960, adatto a commercializzare la musica latina.

SALSA CALIENTE E ROMANTICA
Negli anni ’60 divenne popolare la “Salsa Caliente” attraverso il quale molti artisti, come Willie Colon e Ruben Blades, esprimevano le condizioni in cui vivevano.

Questi artisti raccontavano con i loro testi storie di lotte della vita di un cittadino medio portoricano.

Attraverso le sonorità africane caraibiche della salsa comunicavano i loro sentimenti, aspirazioni per il futuro e il patriottismo che li legava indissolubilmente al loro paese.

Alla fine degli anni ’70 la popolarità della Salsa Caliente calò perchè gli ascoltatori e gli artisti cominciarono a preferire musica più romantica e sentimentale.

Fu così che prese corpo un ulteriore genere chiamato Salsa Romantica e i primi artisti che la inaugurarono furono Eddie Santiago, Luis Enrique, e Lalo Rodriguez.